Corso primo Soccorso gruppo b c - Azienda Sicura

PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B E C

Riferimenti e Descrizione

Il Decreto Ministeriale 388/2003 Regolamento recante disposizioni sul Pronto Soccorso Aziendale" ed il D.Lgs 81/08 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro" prevedono la formazione obbligatoria per i lavoratori nominati addetti al primo soccorso. Il corso ha la finalità, oltre ad ottemperare a quest’obbligo, di fornire tutti gli elementi di primo soccorso in relazione all’ambiente di lavoro in cui opera l’addetto. Oltre alla conoscenza teorica delle patologie e dei traumi che si possono manifestare in un ambiente di lavoro si effettueranno prove pratiche di rianimazione ed intervento grazie alle quali l’addetto sarà in condizioni di poter valutare, gestire ed intervenire anche in modo pratico nelle aziende del Gruppo A.

Costituiscono suddetto gruppo le aziende appartenenti alle categorie elencate dal D.M. 388/2003 Art. 1 comma 1. Il Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il D.Lgs 81/08, individua tra gli obblighi del datore di lavoro la responsabilità di gestire l’emergenza all’interno della propria azienda. Nell’adempimento di quest’obbligo il datore di lavoro deve quindi provvedere a creare delle apposite strategie per gestire il verificarsi di un pericolo grave e immediato.

Fanno parte di queste procedure la realizzazione del piano d’emergenza aziendale e l’individuazione, tra le risorse umane aziendali, di una squadra emergenze in grado di intervenire prontamente per gestire in maniera efficace il presentarsi di un emergenza grave e immediata come nel caso di incendi, black-out, evacuazione e problemi legati alla salute dei lavoratori sia a causa di un malore, una malattia professionale che di un infortunio.

A tal scopo il D.Lgs 81/08, dando continuità a quanto già previsto dal D.lgs 626/94, indica che i lavoratori identificati dal datore di lavoro per assolvere a questo tipo di incarico, devono ricevere la nomina quali addetti antincendio, addetti al primo soccorso ed alle emergenze in generale. In riferimento agli addetti al Primo Soccorso aziendale il D.M. 388/2003 individua non soltanto le attrezzature ed i presidi da avere all’interno dell’azienda, ma anche le indicazioni sui requisiti e la formazione dedicata a questa figura che nel tempo ha assunto un’importanza sempre maggiore.

Lo scopo del corso è di fornire , attraverso un modulo teorico, tutte le conoscenze relative alla segnalazione e gestione di un emergenza sanitaria. Il D.M. 388/2003 suddivide le aziende in 3 grandi gruppi che sono: Gruppo B: aziende o unità produttive con almeno 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A. Rientrano nel gruppo B anche le Aziende od unità produttive di 3-5 lavoratori il cui gruppo di tariffa presenta un indice infortunistico di inabilità permanente superiore a 4. Gruppo C: aziende con meno di 3 lavoratori che non rientrino nel gruppo A

Piano formativo corso Primo Soccorso gruppi B e C

Allertare il sistema di soccorso

In questo primo modulo del corso si imparerà a distinguere le Cause e circostanze dell’infortunio (luogo dell’infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli infortunati,etc) e quindi a comunicare queste informazione in maniera chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di emergenza.

Riconoscere un’emergenza sanitaria

Lo scopo di questa parte del corso sarà dedicata alla raccolta di tutte le informazioni necessarie a comprendere l’emergenza sanitaria. In particolare si apprenderà quali sono glielementi da considerare nella scena dell’infortunio attraverso la raccolta di informazioni. L’addetto al pronto soccrso imparerà inoltre a valutare la presenza di pericoli evidenti e probabili per poi passare ad occuparsi dello stato di salute del lavoratore infortunato.Si apprenderanno le tecniche per definire:

  • Funzioni vitali (polso, pressione,respiro)
  • Stato di coscienza ; ipotermia e ipertermia

Questo grazie alla conoscenza delle nozioni elementari dell’anatomia umana e della fisiologia dell’apparato cardiovascolare e respiratorio. Sarà data grande importanza in questa fase della gestione dell’emergenza alle tecniche di auto protezione del soccorritore.

Attuare gli interventi di primo soccorso e conoscere i traumi e le patologie

La prioritaria importanza di questo modulo è di fornire tutte le nozioni necessarie a poter intervenire sul lavoratore infortunato attraverso azioni prioritarie come:

  • Sostenimento delle funzioni vitali
  • Posizionamento dell’infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree
  • Respirazione artificiale
  • Massaggio cardiaco esterno

Verranno anche appreso come riconoscere alcuni trai maggiori traumi (lussazioni, fratture ecc.) e patologie (ustioni, intossicazioni, emorragie) che possono verificarsi in relazione ai rischi specifici dell’attività svolta

evidenziando i limiti di intervento dell’addetto.

Capacità di intervento pratico

Questo ultimo modulo ha lo scopo di mettere l’addetto al primo soccorso in condizione di poter intervenire in maniera attiva in caso di emergenza attraverso delle simulazioni di emergenza con l’ausilio di mezzi tecnici come i manichini e tutti gli strumenti che devono essere resi disponibili in questi casi. In particolare si apprenderanno:

  • Tecniche di comunicazione di emergenza SSN
  • Tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute
  • Tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria
  • Tecniche di rianimazione cardiopolmonare
  • Tecniche di tamponamento emorragico
  • Tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato
  • Tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici o biologici

s